Inizio Pagina
sei in: home [1] » servizi [3] » servizi amministrativi » articolo

Menu principale di navigazione

Contenuto della pagina

Biblioteca Comunale "Adolfo Betti"

BIBLIOTECA COMUNALE “ ADOLFO BETTI ”

La Biblioteca Comunale "A. Betti" è una biblioteca pubblica di carattere generale, aperta a tutti i cittadini, secondo le indicazioni del Manifesto IFLA/Unesco per le biblioteche pubbliche.
Ha sede nella ex Chiesa inglese e dispone di un patrimonio librario di oltre 25.000 volumi. Il fondo corrente è composto da circa 8.000 volumi e può essere dato in prestito mentre il Fondo Ian Greenlees può essere consultato soltanto dietro precisa e motivata richiesta scritta.
L'organizzazione dei servizi è rivolta a garantire l'accesso di tutta la popolazione alle risorse della Biblioteca, interne ed esterne, a favorire ed incentivarne l'uso, attraverso un'opportuna diversificazione dell'offerta documentaria e degli strumenti di dialogo tra operatore e pubblico.

Oltre alla possibilità di utilizzare in sede l'offerta documentaria e i servizi correlati, la Biblioteca offre l'opzione a distanza per alcuni servizi:
Per tutti, telefonicamente o con e-mail, sono disponibili:
· informazioni sul catalogo
· quick reference (domande a risposta pronta)
Per gli iscritti al servizio di prestito:
· richiesta di prenotazione, rinnovo del prestito
· richiesta di prestito interbibliotecario/fornitura documenti
· proposta di acquisto (Desiderata)

La Biblioteca Comunale partecipa ai programmi di cooperazione tra le biblioteche, fondati sul principio della condivisione delle risorse, sulla base della reciprocità, con il fine di assicurare al pubblico lo standard più elevato del servizio.
La Biblioteca incoraggia la partecipazione dei lettori allo sviluppo delle raccolte e al miglioramento del servizio con osservazioni, proposte, suggerimenti.

Gli orari della biblioteca sono i seguenti:

ESTIVO (LUGLIO/AGOSTO):

MATTINA: MERCOLEDI', VENERDI' E SABATO 9:13 - LUNEDI' E MARTEDI' CHIUSO PER INVENTARIO GREENLEES  

  POMERIGGIO: LUNEDI', MARTEDI', MERCOLEDI' E VENERDI' 16:19

  GIOVEDI' (SOLO POMERIGGIO) 16:20

INVERNALE:

 MATTINA LUNEDI' MARTEDI' MERCOLEDI' VENERDI' E SABATO 9:13 - POMERIGGIO LUNEDI' MARTEDI', MERCOLEDI' VENERDI' 15:18 GIOVEDI' 15:19

Telefono 0583/87619

Consultazione in sede

E’ libera e gratuita.
Il materiale documentario è in gran parte collocato a scaffale aperto: il lettore può accedere liberamente e direttamente ai documenti sugli scaffali, anche senza l’intermediazione del personale della Biblioteca.
Le collezioni di narrativa contemporanea italiana e straniera sono collocate in ordine alfabetico di autore; le sezioni di saggistica sono ordinate per materia secondo la Classificazione Decimale Dewey (CDD).
Sono a disposizione del lettore: 8 posti di studio e 10 posti di consultazione nella zona di lettura oltre a 3 divani.

Prestito locale

Si accede al servizio – gratuito – mediante iscrizione.
Possono richiedere l’iscrizione al servizio di prestito tutti i cittadini residenti nel Comune di Bagni di Lucca o in altro Comune della Toscana, o che vi risiedono anche temporaneamente per motivi di studio, di lavoro o per turismo, recandosi di persona in Biblioteca e presentando un documento di riconoscimento valido.
Per l’iscrizione al servizio di prestito dei bambini e ragazzi fino a 14 anni d’età è richiesta la presenza di uno dei genitori.
Il prestito è concesso per un massimo di quattro volumi per 30 giorni.
Le opere già in prestito possono essere prenotate: il lettore riceverà una telefonata al proprio recapito non appena queste si renderanno nuovamente disponibili, ed avrà 5 giorni utili per ritirarle in Biblioteca.
I prestiti possono essere rinnovati alla scadenza (anche telefonicamente o con e-mail), purché non vi siano prenotazioni in corso.
Sono esclusi dal prestito:
Enciclopedie, dizionari, atlanti geografici
Opere rare e di pregio fuori commercio
I libri si ritirano personalmente, presentando la tessera della Biblioteca Comunale.
Il lettore è responsabile dei documenti presi in prestito, che dovranno essere riconsegnati puntualmente alla scadenza nelle stesse condizioni in cui sono stati ricevuti. Nel caso in cui fossero smarriti o danneggiati, il lettore è tenuto a provvedere alla sostituzione con altro esemplare identico, o a corrispondere alla Biblioteca una somma pari al costo corrente di mercato.
L’inosservanza dei termini di scadenza comporta la temporanea sospensione dal servizio.
La mancata restituzione delle opere ricevute in prestito comporta l’esclusione temporanea o definitiva dal servizio di prestito del lettore inadempiente, salvo più severe sanzioni previste dalla legge.

Prestito interbibliotecario e fornitura documenti (ILL e DD)

ILL e DD in entrata.

I lettori che non trovano nelle collezioni della Biblioteca il documento desiderato, presente in altri cataloghi di biblioteche italiane, possono fare richiesta di prestito interbibliotecario o di fornitura documenti.
Il servizio è riservato agli iscritti al servizio di prestito della Biblioteca Comunale.
E’ gratuito all’interno della Rete delle Biblioteche Toscane.
Con le altre Biblioteche italiane valgono le condizioni particolari del servizio (numero di volumi ricevibili, durata del prestito, eventuale rimborso per spese di spedizione) stabilite da ognuna.

ILL e DD in uscita.

Il servizio è riservato alle biblioteche pubbliche, ed è offerto gratuitamente sulla base della reciprocità.

Le condizioni del prestito interbibliotecario si uniformano a quelle del prestito locale, per quanto riguarda il numero delle opere concesse, la durata del prestito e la possibilità di prenotazione o rinnovo.

La Biblioteca Comunale partecipa al Progetto Regionale Toscano di prestito interbibliotecario "Libri in Rete".
Per richiedere un prestito: biblioteca@comunebagnidilucca.it

Consulenza e informazione bibliografica
Il personale della Biblioteca Comunale, oltre all’orientamento generale ed alle istruzioni per l’uso del servizio, presta assistenza al pubblico per ricerche di carattere generale. In caso di ricerche complesse d’argomento specialistico, è consigliabile accordarsi preventivamente con la Direzione della Biblioteca.

FONDO IAN GREENLEES

Il Fondo Greenlees, composto da circa 25.000 unità, è attualmente in fase di catalogazione e sarà presto consultabile on line, attraverso il nuovo SW Sebina. Fu donato al Comune di Bagni di Lucca da Robin Chanter, bibliotecario ed amico di Ian Greenlees nel 1991, in esecuzione del lascito testamentario dello stesso Greenlees. Il Fondo si compone per la maggior parte di opere in lingua inglese ed offre una notevole varietà di generi ed argomenti: letteratura inglese, francese, spagnola, italiana; notevoli le sezioni di storia contemporanea e d’arte, numerosi romanzi, autobiografie, volumi d’arte. E’ a sua volta diviso in Fondo Antico con circa 2.000 volumi e Fondo Moderno.

Chi è Ian Greenlees?
Ian Gordon Greenlees nacque il 10 luglio 1913 da Samuel Greenlees e Rosalie Stewart. Frequentò il Collegio dei Frati Benedettini di Ampleforth nello Yorkshire e si dedicò poi allo studio delle lingue moderne al Magdalen College di Oxford. Dal 1934 al 1936 fu lettore di Letteratura Inglese presso l’Università di Roma. Fu incaricato dal Consiglio Britannico di sorvegliare i centri culturali inglesi in Italia e divenne rappresentante del Consiglio Britannico dal 1939 al 1940. In quello stesso anno fu nominato Direttore del British Institute di Roma. Ha fatto parte dell’Armata Britannica ed è stato delegato a prestare servizio presso le Campagne Nord Africane e Italiane con il grado di Maggiore.
Nel 1943 sequestrò la trasmittente Radio Bari dal controllo dei Fascisti e fondò la prima radio libera italiana trasmettendo propaganda anti fascista. In quel periodo ebbe contatti con intellettuali italiani e partigiani. Il suo ritratto in un uniforme militare è stato dipinto da Renato Guttuso, un caro amico, come lo furono anche Mario Praz, Elsa Morante e Alberto Moravia. Nel dopoguerra fu secondo Segretario e Assistente alla Stampa Diplomatica Militare presso l’Ambasciata di Roma (da gennaio a dicembre 1946). Sempre nel 1946 fu Assistente Delegato del Consiglio Britannico. Pubblicò un piccolo studio su Norman Douglas. Con l’attivo supporto di Harold Hacton, nel 1958 sostituì Francis Toye alla carica di Direttore del British Institute di Firenze, ruolo che ha rivestito per ventitre anni. Nel 1959 ricevette la Medaglia d’Argento per i Benemeriti alla Cultura e nel 1963 ottenne la nomina di Cavaliere Ufficiale. Dal paese di Bagni di Lucca dove possedeva una grande casa (Casa Mansi, via del Bagno 20) e dove teneva la sua biblioteca personale di più di venticinquemila volumi, ebbe il riconoscimento di Cittadino Onorario nel 1972. Con l’amico Robin Chanter possedeva un’altra casa ad Anacapri (Villa Fraiti) sull’isola di Capri. A Firenze alloggiava in un grande appartamento acquistato a sua richiesta dal British Institute (Via Santo Spirito, 15) dove aveva una collezione di mobili d’antiquariato, argenteria, orologi e quadri. Tra le opere d’arte parecchi erano dei fratelli Carracci, di Guttuso e un ritratto della metà del sec. XIX di Walter Savane Landor, uno dei suoi scrittori preferiti. Nel 1975 gli fu conferito il titolo di Commendatore dell’Ordine del Merito. Insieme a Robin Chanter spese tempo e denaro per l’Associazione Italiana LIPU per la protezione degli uccelli, i cui uffici si trovarono per un periodo di tempo all’interno del British Institute. Nel 1981, dopo un conflitto con i dirigenti, si ritirò dal British Intitute, lasciando il regalo avuto dai dirigenti alle vittime dei terremotati del Sud Italia. A Bagni di Lucca iniziò a scrivere le sue memorie e nel testamento lasciò la maggior parte dei suoi libri al Comune. Morì il 22 luglio 1988 e le sue spoglie riposano nel Cimitero di Bagni di Lucca.

06/07/2018